Itinerari e Percorsi Naturalistici

MONTI PELORITANI

Dove siamo

Nella Sicilia nord-orientale, incastonati tra l’Etna, i Monti Nebrodi e lo Stretto di Messina, i Monti Peloritani – con i loro borghi, la squisita enogastronomia e la natura tutta da scoprire – vi danno il benvenuto.

dove

Castroreale

Dal 2014 è entrata di diritto tra i Borghi più Belli d’Italia ed è inserita nel Distretto Turistico EcoSicily – Parchi, riserve e Terre dei Normanni.

Castroreale è un gioiello capace di sorprendere, e rappresenta il punto di partenza ideale per le escursioni illustrate di seguito. La cittadina è collegata anche alla costa, facilmente raggiungibile nel tratto Milazzo-Tonnarella, mentre nella vicina Portorosa si trova un porto turistico.

Acquarosa

Partiamo da: Castroreale

Come arrivare: a circa 7 km dal borgo, imboccare la SP Castroreale-Mandanici in direzione Marasà. Il primo tratto è asfaltato, poi si incontra una tabella che indica l’inizio del demanio forestale. Dopo aver percorso diversi tornanti alberati, a 1 km, si arriva all’area attrezzata di Acquarosa (400 metri slm).

A disposizione: tavoli e panche in legno di castagno, punti fuoco, un rifugio in legno, diversi punti acqua.

Cavolata

Partiamo da: Castroreale

Come arrivare: raggiungere la frazione di Raa distante circa 7 km. Da qui dirigersi verso Mandanici, lungo la SP Castroreale Mandanici (in terra battuta). A meno di 2 km una pineta ci annuncia l’arrivo all’area attrezzata. 200 metri più avanti, a sinistra, le strutture. Siamo a 400 metri slm e si possono trovare molte specie tipiche da osservare durante la permanenza. Il panorama si estende no al Torrente Longano, che dà il nome al Bacino Montano.

A disposizione: tavoli, panche, punto acqua, punto barbecue.

Fiumara di Florestae

SI TRATTA di un’area collinare-submontana di 1937 ettaRi di supercie, ricca di peculiarità sia sotto l’aspetto geologico – per le rocce metamorche – sia sotto quello della vegetazione naturale (boschi, alternati a tratti rocciosi, cespugli ed arbusti spinosi, prati dunali, percorsi substeppici, praterie mediterranee con piante erbacee alte e giunchi, torbiere basse alcaline, querceti, castagneti, foreste a galleria).

Proseguendo dalla Fiumara di Floresta, è possibile raggiungere Pizzo Polo.

Tre Pizzi

Partiamo da: Castroreale

Come arrivare: imboccare la provinciale per Mandanici: il primo tratto è asfaltato, poi la strada diventa bianca. Dall’incrocio dove è collocata la segnaletica di legno a tre direzioni, seguire Mandanici. Dopo circa 4 km si incontra Tre Pizzi. Siamo all’interno di un bosco di pini mediterranei intervallati da ceppaie di castagni, in un luogo assolutamente suggestivo per naturalità e paesaggio.

A disposizione: tramite una bella scalinata si può accedere ad una torretta, ai piedi della quale si trovano tavoli e panche per la sosta. Presente un bel gazebo in architettura tipica, un forno per pane e pizze, punti fuoco e acqua. Molti tavoli sono a copertura in legno.

Piano Margi

Partiamo da: Castroreale

Come arrivare: seguire la direzione per Tre Pizzi, poi oltrepassare e proseguire per altri 4 km, no a raggiungere Piano Margi. L’ingresso è segnalato da un cancello della Guardia Forestale dove occorre lasciare la vettura. Siamo a 800 metri slm, l’area è molto estesa (circa 3 ettari).

A disposizione: tavoli e panche sono sistemati fra ceppaie di castagni e pini mediterranei.
Dall’area attrezzata si dipartono molti sentieri: ne suggeriamo uno che conduce al Castello Margi – da cui il nome della località – oppure un altro che porta a Pizzo Sughero.